HIVforum.info

HIV e AIDS INFO e aiuto sulla sieropositività: si discute di HIV e AIDS, dei problemi della sieropositività, di farmaci e ricerca scientifica.
               
                   Facebook                   Twitter                
            
Oggi è domenica 19 agosto 2018, 2:39

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 54 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: Un vaccino per l'HIV?
MessaggioInviato: giovedì 26 novembre 2015, 10:40 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 19 dicembre 2013, 19:58
Messaggi: 3456
zingaro ha scritto:
.....io anche mi pongo lo stesso problema. Questo vaccino di Gallo può avere effetto su chi è già portatore oppure è solo preventivo?

Si tratta di un candidato vaccino preventivo, ma deve ancora essere affrontata la fase 1 di sperimentazione. Forse tra 3 o 4 anni si potrà avere qualche informazione in più.
Per ora ne parla solo la stampa, perché non possono esserci naturalmente pubblicazioni scientifiche: http://www.wired.it/scienza/medicina/20 ... rto-gallo/
Si tratta solo di annunci, quindi. Questo articolo tra l'altro ricorda come dal 1984 siano stati sperimentati (con insuccesso) oltre 100 vaccini: http://news.sciencemag.org/health/2015/ ... ine-clinic


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Neutralizzare l hiv
MessaggioInviato: martedì 3 aprile 2018, 22:05 
Non connesso

Iscritto il: domenica 14 gennaio 2018, 22:56
Messaggi: 74
Gli immunogeni ingegnerizzati basati su patch conservate della proteina dell'involucro del virus puntano a nuove strategie per la progettazione del vaccino.

Gli anticorpi ampiamente neutralizzanti, quelli che potrebbero distruggere un'ampia gamma di tipi di virus, sono l'obiettivo supremo dello sviluppo del vaccino anti-HIV. Sebbene alcune persone infette da HIV sviluppino questi anticorpi naturalmente nel tempo, gli scienziati non sono stati in grado di ricapitolarli attraverso i vaccini sviluppati in laboratorio. Ora, tre studi pubblicati oggi (18 giugno) avanzano due diverse strategie per indurre anticorpi così ampiamente neutralizzanti .

"Penso che entrambi [approcci] abbiano un merito", ha detto John Mascola , direttore del Vaccine Research Center presso l'Istituto nazionale di allergie e malattie infettive, che è stato un finanziatore della ricerca. "Nel lungo periodo, i due potrebbero essere complementari."

La strategia matura

L'HIV non è un singolo virus, ma una raccolta di varianti diverse. Un vaccino pratico, quindi, susciterebbe anticorpi che riconoscono un elemento comune tra tutti loro, vale a dire gli epitopi conservati dello scudo glicano che circonda il virus.

Lo sviluppo di immunogeni simili a queste glicoproteine ​​ha richiesto anni. I progressi nella comprensione della struttura e dei comportamenti vincolanti dei vari domini glicoproteici della proteina dell'involucro hanno aiutato John Moore ei suoi colleghi di Weill Cornell Medical College a sviluppare un trimero glicoproteico stabile e solubile che riproduce la configurazione nativa della proteina dell'involucro virale.

Per verificare se il trimero potesse innescare una risposta immunitaria, Moore, insieme a Rogier Sanders dell'Università di Amsterdam e ai loro collaboratori, ha somministrato la molecola, chiamata BG505 SOSIP.664, ai conigli e alle scimmie.

"Mostrano che c'è una vera differenza", ha detto William Schief , ricercatore dell'HIV presso lo Scripps Research Institute di La Jolla, in California, autore di tutti e tre gli studi. "Quando si usa il trimero ingegnerizzato, sono in grado di indurre livelli molto più alti di anticorpi neutralizzanti contro un particolare ceppo da cui è stato costruito il trimero, rispetto ad altri metodi precedenti di produzione di trimeri."

Sebbene il BG505 SOSIP.664 abbia generato potenti anticorpi neutralizzanti contro l'HIV, aveva una gamma ristretta di bersagli virali, gli autori riportati in Science . "Neutralizza solo il virus corrispondente alla sequenza. Non ha la larghezza ", ha detto Moore a The Scientist . Eppure, ha aggiunto, senza nemmeno una risposta ristretta, non ci sarebbe nulla da costruire. "Dimostra la capacità del metodo per il miglioramento futuro. Quindi è una ricetta per il miglioramento del design e miglioramenti della strategia che hanno una ragionevole possibilità di andare da qualche parte ".

Mascola, che non ha partecipato a nessuna delle ricerche, ha detto che lo studio di Moore rappresenta i primi esperimenti sistematici su un trimero dall'aspetto originario. "Questo è un grande passo avanti in questo campo", ha detto. "Ora che Moore e Sanders e colleghi hanno stabilito questa capacità di fare i trimmer, nei prossimi mesi e anni ci saranno molti progressi nella costruzione di questa piattaforma."

L'affare combo

In un secondo articolo di Science , un gruppo guidato da Schief adottò un approccio diverso. Invece di cercare un trimero per attivare anticorpi neutralizzanti, la squadra di Schief ha ingegnerizzato un antigene, chiamato eOD-GT8, che avrebbe suscitato gli anticorpi che precedono gli anticorpi maturi, ampiamente neutralizzanti che si sviluppano dopo che un organismo è stato esposto a un virus per qualche tempo .

Questi anticorpi "germinali" riflettono il punto di partenza nella risposta immunitaria; mentre l'infezione continua, gli anticorpi raccolgono le mutazioni che consentono loro di tornare a casa in modo sempre più preciso sugli elementi conservati di un virus (e, quindi, di diventare ampiamente neutralizzanti). Una strategia di progettazione del vaccino sarebbe quella di imitare questo processo: iniziare con un antigene di targeting germinale e, con esposizioni sequenziali ad antigeni sempre più raffinati, convincere il sistema immunitario a sviluppare le mutazioni degli anticorpi appropriate per renderle sostanzialmente neutralizzanti.

La logica dell'ultimo studio di Schief, quindi, era vedere se l'eOD-GT8 potesse far ripartire la reazione immunitaria iniziale. I ricercatori hanno ingegnerizzato geneticamente un topo per esprimere parte di un anticorpo umano predetto per assomigliare alla cosiddetta sequenza germinale. Con grande gioia di Schief, i ricercatori hanno scoperto che la somministrazione di eOD-GT8 ai topi generava anticorpi. "Mostriamo con forza che l'anticorpo di targeting germinale che dovrebbe essere il primo in linea fa il lavoro", ha detto a The Scientist .

Nel frattempo, un terzo gruppo, guidato da Michel Nussenzweig alla Rockefeller University e ai suoi colleghi, ha condotto esperimenti simili a quelli della squadra di Schief, ma facendo un passo in più. I ricercatori hanno generato una seconda linea di topo che esprimeva anche un gene anticorpale umano, ma questo anticorpo conteneva numerose mutazioni che riflettevano un anticorpo che stava diventando un organismo ampiamente neutralizzante.

Come gruppo di Schief, la squadra di Nussenzweig anche scoperto che EOD-GT8 è stato efficace nel partendo una risposta immunitaria da anticorpi germinali, ma, come previsto, questa risposta è stata in grado di neutralizzare l'HIV. Analogamente ai risultati del precedente gruppo, BG505 SOSIP.664 non era efficace nel produrre una risposta immunitaria nei topi che esprimono il gene precursore degli anticorpi.

Ma nei topi con l'anticorpo mutato quasi maturo, BG505 SOSIP.664 cellule B sufficientemente attivate, i ricercatori hanno riportato in Cell . "Quando usiamo l'antigene nativo in [questi] topi, otteniamo una neutralizzazione più ampia rispetto a quella che utilizziamo con l'antigene di targeting germinale", ha affermato il coautore dello studio Pia Dosenovic , postdoc nel laboratorio di Nussenzweig.

Il coadiutore dello studio Lotta von Boehmer , un istruttore in investigazione clinica del gruppo di Nussenzweig, ha detto che i risultati evidenziano la necessità di una strategia di combinazione che sfrutti diversi antigeni. Per stimolare l'attività immunitaria iniziale, ha spiegato, è necessario un antigene di targeting germinale (come eOD-GT8). Quindi, in una fase successiva della risposta immunitaria, un antigene dall'aspetto originario potrebbe provocare la neutralizzazione degli anticorpi necessari per eliminare il virus. "Per la prima volta, mostriamo in vivo che avrete bisogno di diversi antigeni per guidare la risposta immunitaria", ha detto von Boehmer a The Scientist .

Pronto per gli umani?

Schief ha affermato che eOD-GT8, l'anticorpo anti-germinale, è pronto per gli studi clinici. Sebbene non si preveda che un'iniezione di eOD-GT8 possa prevenire l'infezione da HIV, potrebbe far sapere ai ricercatori se sono sulla strada giusta. Se quell'immunizzazione iniziale non ottiene una reazione, i ricercatori dovranno ripensare il loro approccio. Ma se imposta la risposta immunitaria in movimento, possono iniziare a progettare gli immunogeni che sarebbero i prossimi passi nella sequenza del vaccino sulla strada verso anticorpi neutralizzanti in senso ampio.

"Pensiamo che sia il momento giusto per scoprirlo", ha detto Schief. La sua squadra si incontrerà con i regolatori federali nelle prossime settimane per discutere di una sperimentazione clinica.

"Entrambi questi approcci hanno superato una soglia in laboratorio. . . per fornire una motivazione scientifica sufficiente per i test umani ", ha affermato Mascola.

P. Dosenovic et al., "Immunizzazione per HIV-1 anticorpi neutralizzanti in topi knockin Ig umani," Cell , 161: 1-11, 2015.

JG Jardine et al., "Innescare una risposta anticorpale ampiamente neutralizzante all'HIV-1 usando un immunogeno a bersaglio germinale," Science , doi: 10.1126 / science.aac5894, 2015.

RW Sanders et al., "Anticorpi neutralizzanti l'HIV-1 indotti da trimmers di involucro di tipo nativo" , Science , doi: 10.1126 / science.aac4223, 2015.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Neutralizzare l hiv
MessaggioInviato: martedì 3 aprile 2018, 23:36 
Non connesso

Iscritto il: martedì 7 luglio 2009, 10:48
Messaggi: 6306
È una ricerca di cui ho parlato molti anni fa, quando è stata pubblicata:

Dora ha scritto:
Poiché questo thread ha smesso di essere dedicato alla speranza di un vaccino basato sugli anticorpi ampiamente neutralizzanti ed è diventato una specie di contenitore degli aspiranti vaccini più diversi, segnalo che si sta tenendo in questi giorni a Barcellona AIDS Vaccine 2013.

Il programma dei 4 giorni di congresso è molto denso, una rapida rassegna dei principali temi trattati può essere letta nel post che Gus Cairns ha pubblicato ieri su aidsmap (HIV vaccine conference opens in most promising research atmosphere for years – titolo e tono forse un po’ sopra le righe, ma è solo la mia impressione):

    1. Perché il cosiddetto vaccino Thai (RV 144) ha funzionato, almeno un pochino?
    2. A che punto siamo con i bNAbs (broadly neutralising antibodies)?
    3. Il vaccino al CMV di Louis Picker (di cui parliamo diffusamente nel thread Louis Picker, le "scimmie di Portland" e il vaccino al CMV) riuscirà a far dimenticare i disastri di altri vaccini che erano volti a stimolare l’altro ramo del sistema immunitario acquisito, cioè le reazioni dei CD8?

Riguardo al punto 3, c’è davvero da sperare nel vaccino di Picker, perché proprio ieri a Barcellona si è discusso dell’ennesimo fallimento di un vaccino – il DNA/rAd5 sperimentato dalla Columbia University per il NIAID (studio HVTN 505) - che puntava a stimolare i CD8, usava come vettore quello che ormai sta diventando “il famigerato adenovirus 5”, era in fase clinica e ha portato a infettarsi più persone di quante se ne sono infettate con il placebo. La triste storia, qualche recriminazione e un doveroso errata corrige, in un post scritto ieri in Verso una Cura.

Sto aspettando che nel sito del congresso sia resa disponibile la presentazione che Magdalena Sobieszczyk, sempre della Columbia University, ha tenuto ieri durante la sessione inaugurale, perché vi si racconta quello che i ricercatori stanno cercando di capire del fallimento di questo vaccino su cui gli NIH stavano puntando molto (cfr. Insights from HIV Vaccine Efficacy Trials: What We Are Learning from HVTN 505).

Una ricerca invece molto bella, anche se ancora abbastanza lontana da qualsiasi applicazione pratica, è quella di John Moore, Weill Cornell Medical College, e Rogier Sanders, Università di Amsterdam. I due hanno appena pubblicato un articolo su PLoS PATHOGENS (A Next-Generation Cleaved, Soluble HIV-1 Env Trimer, BG505 SOSIP.664 gp140, Expresses Multiple Epitopes for Broadly Neutralizing but Not Non-Neutralizing Antibodies) e presentano i loro risultati a Barcellona. Poiché si tratta di cose complicate, mi affido a un post scritto ieri da Unmesh Kher per il blog di IAVIReport (Day One: AIDS Vaccine 2013).

In breve, una proprietà desiderabile ma per ora non raggiungibile di un vaccino contro l’HIV è che sia capace di indurre bNAbs. L’approccio seguito da Moore e Sanders è stato quello di costruire un trimer, cioè una macromolecola formata combinando tre molecole più piccole identiche, che imiti la punta della proteina Env dell’HIV, che il virus usa per attaccarsi alle cellule. Creare una simile proteina in laboratorio è impresa assai difficile, perché il trimer dell’HIV ha una struttura che varia continuamente. E, in effetti, tutti i tentativi fatti finora di creare degli analoghi del trimer sono falliti, tanto che Moore definisce i risultati di quelle ricerche dei “TINOs” – “Trimers In Name Only”.
Invece, Moore e Sanders sono riusciti a costruirne uno, che hanno chiamato BG505-SOSIP.664, o più semplicemente BG505, e che pare proprio che funzioni. Hanno esaminato le proprietà antigeniche del BG505 e hanno scoperto che si lega ad ogni singolo tipo di bNAb contro il quale è stato finora testato, il che fa pensare che sia davvero molto simile al trimer “naturale”. Di contro, non riesce a legarsi a quegli anticorpi che, a loro volta, non sono capaci di neutralizzare l’HIV.





P.S. Nel programma di AIDS Vaccine 2013 non compare il nome di Barbara Ensoli. Se vi chiedete il perché e vi rifiutate di pensare che ci sia in atto un complotto planetario ai danni del vaccino pontino, o addirittura un boicottaggio organizzato contro il “sistema Italia“, forse qualche indizio potete trovarlo qui.



Agli admin: per favore, è possibile spostare tutto e attaccarlo al vecchio thread in Scoperte? Qui:

viewtopic.php?p=35298#p35298

Grazie!

A "Soul78": per favore, invece di continuare a riempire il forum di post inutili e sconclusionati, da cui risulta chiaro che non hai molto l'idea di quello che stai scrivendo, non vorresti considerare la possibilità di imparare ad usare la funzione "cerca"? Grazie!


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Neutralizzare l hiv
MessaggioInviato: martedì 3 aprile 2018, 23:54 
Non connesso

Iscritto il: martedì 7 luglio 2009, 10:48
Messaggi: 6306
"Soul78", stavo anche pensando una cosa: perché non apri un thread tutto tuo, intitolato in modo che sia chiaro a tutti che sono le cose che a te interessa postare indipendentemente dal fatto che abbiano un senso anche per altri, e raccogli lì tutti questi post? Eviteresti queste continue mortificazioni, che immagino per te siano sgradevoli, ma che per me sono francamente imbarazzanti. E stanno anche cominciando ad essere un po' noiose.


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 54 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010