HIVforum.info

HIV e AIDS INFO e aiuto sulla sieropositività: forum aperto a tutti dove si parla di HIV e AIDS, e si discute sui problemi della sieropositività, i farmaci e la ricerca scientifica.
Oggi è martedì 21 ottobre 2014, 21:53

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 22 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3
Autore Messaggio
MessaggioInviato: lunedì 22 aprile 2013, 11:22 
Non connesso

Iscritto il: martedì 7 luglio 2009, 11:48
Messaggi: 3703
A volte capita di leggere delle notizie assai bizzarre: secondo una ricerca appena pubblicata su Science Translational Medicine, le concentrazioni di HIV RNA e DNA nel latte materno hanno un'impennata nel momento in cui le donne cessano di allattare il bambino esclusivamente al seno e cominciano a svezzarlo.
Si sapeva che la produzione di latte è regolata in modo fisiologico, così da dare al bambino la quantità di nutrimento di cui ha bisogno. Ma ora si scopre che questo ha un'influenza anche sulle dinamiche dell'HIV presente nel latte. Quale sia esattamente il meccanismo, però, non è chiaro.
Si è anche visto che elevate concentrazioni di virus nel latte sono in grado di spiegare il fatto che i tassi di trasmissione post-natale dell'HIV siano più alti nei bambini che vengono svezzati presto.
Questo potrebbe anche spiegare perché il rischio di trasmettere l'HIV è ridotto se il bambino viene allattato esclusivamente al seno, rispetto a un allattamento in parte al seno, in parte artificiale.

Quella che segue è una recensione del lavoro di Louise Kuhn e colleghi, uscita su Nature News.



HIV in breastmilk spikes at weaning

Findings bolster case for maternal drug therapy beyond feeding's end.

Meredith Wadman
17 April 2013


The amount of HIV in an infected mother’s breast milk spikes when weaning begins, according to a study published today in Science Translational Medicine (1). The findings are likely to add urgency to efforts to ensure that infected mothers without access to formula take antiretroviral drugs throughout and beyond the time that they wean their infants.

The research also helps to explain why infants who are weaned early and abruptly are no more likely to avoid contracting HIV than do those who continue to breastfeed, a finding from in a randomized clinical trial of 958 HIV-infected women in Lusaka, Zambia, recruited between 2001 and 2004 (2).

Grace Aldrovandi, a paediatrician at the Saban Research Institute at the Children's Hospital Los Angeles in California, and her colleagues collected milk by pump from all the women in the study after they had exclusively breastfed their infants for four months. The milk from women who then stopped breastfeeding abruptly contained markedly higher levels of HIV than did milk from the women who continued to breastfeed exclusively: a median of 2,708 copies of viral RNA per millilitre of milk compared with fewer than 50 copies per millilitre. In mothers who continued to breastfeed, but not exclusively, the viral levels fell in between those of the two other groups, a median of 293 copies per millilitre.

The differences between the groups remained after researchers adjusted for possible confounders, including how much HIV was in the mother’s blood. The team also analysed changes within individual women, and found that in the abrupt weaners, HIV levels in milk rose markedly between samples taken just before weaning and those taken two weeks later; the same was not true at these time points for women who continued to breastfeed.

“Weaning leads to increases in HIV concentrations in breast milk. That’s the big message of the paper,” says Aldrovandi. “This peri-weaning period can be quite dangerous.”

Dangerous time
The results have important practical implications, adds Lynne Mofenson, head of the Maternal and Pediatric Infectious Disease Branch at the National Institute of Child Health and Human Development in Bethesda, Maryland. She says it is critical that antiretroviral therapy be given to the mother or infant for the entire duration of breastfeeding, throughout weaning, if mother-to-child transmission of HIV is to be prevented.

The current practice of giving mothers one to two weeks of anti-retroviral therapy after weaning may not be enough, the authors say, given that weaning is a stop-and-start, often protracted, process in real life.


The study also “speaks strongly in favour of exclusive breastfeeding”, says Catherine Hankins, deputy director of science at the Amsterdam Institute for Global Health and Development. She notes that viral breast-milk levels were substantially higher in mothers who started weaning their infants in the two weeks before the milk collection than in those who breastfed exclusively.

The authors hypothesize that HIV crosses more easily from blood to milk during weaning because the tight junctions between mammary epithelial cells become leaky, a phenomenon that has been seen various rodents and people (3–5). Inflammation brought on by abrupt weaning may also have a role, they write. But whatever the biological basis, they say, antiretrovirals will be vital for protecting infants during this time. They suggest follow-up studies to see whether intensified therapy at the time of weaning helps to reduce transmission.


Nature doi:10.1038/nature.2013.12832

References
1) Kuhn, L. et al. Sci. Transl. Med. 5, 181ra51 (2013).
2) Kuhn, L. et al. N. Engl. J. Med. 359, 130–141 (2008).
3) Neville, M. C. et al. Am. J. Clin. Nutr. 54, 81–92 (1991).
4) Nguyen, D. A. & Neville, M. C. J. Mammary Gland Biol. Neoplasia 3, 233–246 (1998).
5) Nguyen, D. A. et al. J. Endocrinol 170, 347–356 (2001).




L'articolo è stato reso disponibile da Natap: HIV-1 Concentrations in Human Breast Milk Before and After Weaning.
E Mark Mascolini ne ha scritto oggi una recensione per il sito della IAS: STRONG IMPACT OF WEANING ON HIV LEVELS IN BREAST MILK: LUSAKA STUDY.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: martedì 22 ottobre 2013, 11:43 
Non connesso

Iscritto il: martedì 7 luglio 2009, 11:48
Messaggi: 3703
Una proteina della famiglia delle tenascine chiamata Tenascina-C (TNC) e contenuta nel latte materno, secondo i ricercatori della Duke University potrebbe proteggere i bambini dall'infezione da HIV delle madri e permettere anche di capire perché i bambini allattati al seno da madri HIV+ si infettino meno spesso di quanto si potrebbe temere.
Si sapeva che questa proteina svolge un ruolo nella cura delle ferite e nella riparazione dei tessuti, così come nello sviluppo del feto; ora si è scoperto che ha anche proprietà antimicrobiche: si lega all'HIV e lo neutralizza, con ciò aiutando i bambini che vengono esposti ripetutamente al virus a non infettarsi.

Studi fatti in precedenza avevano già identificato delle proprietà antivirali del latte materno, ma la maggior parte di queste attività di neutralizzazione dell'HIV non erano ancora state spiegate. I ricercatori della Duke hanno analizzato campioni di latte di donne non infette nelle loro capacità di neutralizzare diversi ceppi di HIV e hanno scoperto che queste dipendevano da una singola proteina, appunto la TNC, che lavora bloccando l'ingresso del virus: cattura le particelle virali e le neutralizza, legandosi alla envelope dell'HIV.

Sallie Permar, professoressa di pediatria, immunologia, genetica molecolare e microbiologia alla Duke:

    "È probabile che la TNC agisca di concerto con altri fattori anti-HIV presenti nel latte materno, e servono altre ricerche. Ma poiché la TNC presenta una attività ad ampio spettro nel legarsi all'HIV-1 e nel neutralizzarlo, potrebbe essere sviluppata all'interno di una terapia di prevenzione dell'HIV, da darsi oralmente ai bambini prima di allattarli, in modo simile a quel che si fa di routine nei Paesi in via di sviluppo, dando loro sali e reidratandoli".

Secondo la Permar, la TNC dovrebbe essere anche sicura, dal momento che è una componente naturale del latte materno - e con ciò si potrebbe evitare lo sviluppo di resistenze agli antiretrovirali, che complica sovente le cose nel trattamento delle madri HIV+ in allattamento.




FONTI:



Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 22 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010