HIVforum.info

HIV e AIDS INFO e aiuto sulla sieropositività: si discute di HIV e AIDS, dei problemi della sieropositività, di farmaci e ricerca scientifica.
               
                   Facebook                   Twitter                
            
Oggi è mercoledì 20 settembre 2017, 6:36

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 49 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5
Autore Messaggio
MessaggioInviato: lunedì 28 novembre 2016, 9:18 
Non connesso

Iscritto il: martedì 7 luglio 2009, 10:48
Messaggi: 5934
rospino ha scritto:
Dora ha scritto:
Ancora una volta, bravi, bravi, bravi editori e chief editors di Frontiers! Voi sì che sapete fare al meglio il vostro lavoro.
Complimenti davvero per la incredibile capacità di dare validità scientifica a sondaggi compilati anonimamente dai genitori! Bravi, bravi, bravi!

E vogliamo dire qualcosa su Linda Mullin Elkins, che ha operato la peer review?
La signora è una chiropratica che ha studiato e oggi insegna alla Life University, dove ci si pregia di essere vitalistic visionaries relentlessly committed to disruptive social innovation, e il "vitalismo" viene inteso come the understanding and principle that all organic systems in the universe are conscious, self-developing, self-maintaining and self-healing.
Mmh ... dubito che chi si autoguarisce grazie alla coscienza cosmica abbia bisogno dei vaccini per difendersi dalle infezioni.
Ms Mullin Elkins, inoltre, è vice presidente del Carrick Institute of Clinical Neuroscience and Rehabilitation, leader nell'insegnamento della neurologia chiropratica.
Pseudoscienza? Sì. Insieme al ‘Brain Balance Program’ e a tante altre neurobollocks.

Immagino che, visti gli standard di Frontiers, questi siano tutti titoli di merito per poter valutare un "lavoro" che, sulla base dell'autovalutazione data da madri scelte fra quelle che non mandano i propri figli a scuola *, attribuisce ai vaccini un aumento dei disordini dello sviluppo neurologico.



* Non è già un bias bello pesante nella formazione del campione, questo?


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lunedì 28 novembre 2016, 11:25 
Non connesso
Amministratore

Iscritto il: lunedì 26 novembre 2007, 0:07
Messaggi: 4974
prossimamente su "Frontiers in Public Health" una ricerca scientifica condotta attraverso interviste ai francesi che si credono Napoleone: meglio Sant'Elena o l'Isola d'Elba?

Frontiers è diventata una sentina di porcherie indicibili, e sto facendo il conto alla rovescia per quando questo fogname approderà sulle slide dei nostri amichetti...


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lunedì 28 novembre 2016, 16:14 
Non connesso

Iscritto il: martedì 7 luglio 2009, 10:48
Messaggi: 5934
Poco fa l'abstract è stato messo offline: si dice che Article 231518 is not yet publicly available.
Qui il link salvato della copia cache di Google: https://archive.is/L6fpe.

Intanto, l'Oca Sapiens segnala che

    il primo autore Anthony R. Mawson è un ammiratore delle frodi di Andrew Wakefield e la ricerca è stata finanziata da Generation Rescue, un'associazione di complottisti anti-vax e anti-scienza in generale.

Che sorpresa! Sembra di assistere alla replica dell'articolo di Goodson.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lunedì 28 novembre 2016, 16:40 
Non connesso

Iscritto il: martedì 7 luglio 2009, 10:48
Messaggi: 5934
Abbiamo ricevuto questo tweet da Frontiers (Uffa dice che è un successo, io per ora preferisco non pronunciarmi):

Immagine


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: martedì 29 novembre 2016, 0:52 
Non connesso

Iscritto il: martedì 7 luglio 2009, 10:48
Messaggi: 5934
L'articolo di Mawson e colleghi è stato ritrattato prima ancora di essere pubblicato completamente in Frontiers in Public Health, ma gli anti-vaccinisti sono comunque in grado di usarlo per la loro propaganda e Skeptical Raptor pubblica un video di Wakefield che lo mostra già all'opera.

Che dire dunque? Bravi Frontiers, come riuscite a fare il vostro sporco lavoro voi, non ci riesce nessuno. Missione compiuta, incompetenti, avide bestie che non siete altro.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: martedì 9 maggio 2017, 6:59 
Non connesso

Iscritto il: martedì 7 luglio 2009, 10:48
Messaggi: 5934
Alla farsa attorno al tentativo di pubblicazione dell'articolo antivaccinista di Mawson et al si aggiunge un nuovo capitolo: altro tentativo di pubblicazione - e quasi contestuale ritrattazione - su un secondo predatory journal dopo Frontiers in Public Health - questa volta il Journal of Translational Science, " even farther down the food chain than a Frontiers journal", dice Orac.

L'inseguimento del Sacro Graal degli antivaccinisti continua.



Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: martedì 9 maggio 2017, 7:36 
Non connesso

Iscritto il: domenica 26 ottobre 2014, 15:42
Messaggi: 5986
Io non capisco perchè certi editori si comportano in questo modo, sapendo che ne va della reputazione del giornale. Già l'impact factor di per sè è diventata una mafia, ma a quel punto diventa l'unica cosa su cui contare se queste sono le porcate che caratterizzano certe riviste. Ci vorrebbe un altro indice, oltre l'impact factor, che tiene conto non tanto della credibilità della rivista, quantopiuttosto dell'attendibilità e della scientificità dei suoi contenuti. Lo si potrebbe chiamare "blast factor" :lol: :lol: :lol:

_________________
CIAO GIOIE


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: martedì 9 maggio 2017, 8:19 
Non connesso

Iscritto il: martedì 7 luglio 2009, 10:48
Messaggi: 5934
Blast ha scritto:
Io non capisco perchè certi editori si comportano in questo modo, sapendo che ne va della reputazione del giornale. Già l'impact factor di per sè è diventata una mafia, ma a quel punto diventa l'unica cosa su cui contare se queste sono le porcate che caratterizzano certe riviste. Ci vorrebbe un altro indice, oltre l'impact factor, che tiene conto non tanto della credibilità della rivista, quantopiuttosto dell'attendibilità e della scientificità dei suoi contenuti. Lo si potrebbe chiamare "blast factor" :lol: :lol: :lol:

Ma guarda che qui stiamo parlando di autori che raschiano il fondo del barile dei predatory journals, andando sempre più a fondo, sempre di più ...
Mi piace il B.F.! :lol:
Quello delle riviste Frontiers sarebbe in caduta libera, se solo molti ricercatori onesti avessero l'onestà di piantarla di pubblicare da Frontiers e citare articoli pubblicati dai Markram.

*************************

Ne approfitto per chiedere se qualcuno ha mai avuto occasione di leggere attacchi a Marco Ruggiero da parte di tal professor Amedeo Amedei, docente associato presso il Dipartimento di Medicina Sperimentale e Clinica dell'Università di Firenze.
Non è una curiosità indipendente dal contenuto di questo thread, dedicato ai disastri dei predatory journals, e vi spiego subito perché.

Il 20 aprile scorso, Sylvie Coyaud ha scritto un bell'articolo sulle ultime novità dal fronte Ruggiero su OggiScienza: La panacea di Marco Ruggiero, vista da Europol. Poiché il suo lavoro si basa sul mio (cfr. OPERAZIONE TOCANTINS e post precedenti) e su quello di Smut Clyde che ho già avuto modo di citare più volte, non sono stata a segnalarlo qui.
Però Sylvie ha urtato la suscettibilità di questo prof Amedeo Amedei quando ha ricordato che costui è membro dell'Editorial Board della rivista-spazzatura preferita da Ruggiero, l'American Journal of Immunology.

Apriti cielo! L'altro giorno il prof Amedei è intervenuto con un commento infuriato in cui, oltre a minacciare Sylvie di ricorrere alle vie legali se lei non toglierà il suo nome dal fianco di quello di Ruggiero, dice alcune cose molto interessanti.
Anzitutto, che lui fa "parte dell’editorial board di tale rivista come di altre 75 riviste scientifiche internazionali" - e se sono tutte dello stesso livello dell'American Journal of Immunology (e a quanto pare lo sono - SciPub, Omics, AgiAl, Bentham Science ecc.), c'è da chiedersi perché mai il prof Amedei si stia ancora a preoccupare della sua onorabilità scientifica. Vabbè, direte voi, problemi suoi.

In secondo luogo, che scriverà all'American Journal of Immunology e darà le dimissioni dal board.

Ma la cosa più interessante è che il prof Amedei dichiara:

    Gentile Sylvie Coyaud, sono il prof. Amedei che lei ha citato nel suo articolo di denuncia delle bufale del Prof. Ruggiero. Io condivido la sua posizione dal momento che per chi fa rigorosa ricerca scientifica da anni, come me, tale disdicevole situazione è un orrore.
    Fatto questa premessa spero che al più presto il mio nome venga tolto, in quanto io non sono affatto solidale nei confronti del Prof. Ruggiero, che anzi ho attaccato sempre in diverse sedi accademiche e non, per le sue strampalate teorie.

Ora,

    1. poiché io di questi attacchi a Ruggiero non ho mai potuto vederne neppure uno, mentre sarebbe stato molto utile avere qualcuno che attaccasse Ruggiero dall'interno dello stesso ateneo che gli ha consentito di creare una metastasi di negazionismo dell'HIV/AIDS, da dove ha poi potuto impestare anche la Rete, e di far laureare studenti con tesi di argomento e contenuto negazionista, per di più bellamente copiate da materiale reperito in internet, senza che neppure una voce di protesta si levasse dalle commissioni di laurea;
    2. né risulta che il prof Amedei abbia pubblicato critiche scientifiche a Ruggiero su qualche rivista indicizzata da PubMed,
    3. e poiché è molto facile saltare sul carro dei vincitori e sparare su Ruggiero, ora che è un latitante ed è noto all'universo mondo che è un ciarlatano e un criminale,

ho chiesto al prof Amedei di produrre le prove di quanto afferma:

    Gentile Prof. Amedei, potrebbe rendere pubblica la email con cui chiede di essere escluso dal board dell'”American Journal of Immunology”, una volta che l’avrà mandata? Anche poter leggere i suoi reiterati attacchi a Marco Ruggiero potrebbe contribuire a fare chiarezza sui molti aiuti di cui Ruggiero ha goduto quando era docente all’Università di Firenze.

    Sa, è difficile dimenticare le tesi di argomento negazionista dell’HIV/AIDS che l’hanno visto relatore, i corsi approvati dall’Università in cui lui insegnava che HIV è stato eradicato dal GcMAF, gli articoli negazionisti e diversa altra spazzatura pseudoscientifica da lui pubblicata, che sono stati a lungo pubblicizzati (e ancora lo sono) nel sito di UniFi.
    Una gran brutta pagina nella storia della vostra università.

    Grazie!
    Cordialmente,
    Dora, HIVforum.info

Se mi risponde, vi faccio sapere.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: martedì 9 maggio 2017, 12:24 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 19 dicembre 2013, 19:58
Messaggi: 2849
Dora ha scritto:
Blast ha scritto:
Io non capisco perchè certi editori si comportano in questo modo, sapendo che ne va della reputazione del giornale. Già l'impact factor di per sè è diventata una mafia, ma a quel punto diventa l'unica cosa su cui contare se queste sono le porcate che caratterizzano certe riviste. Ci vorrebbe un altro indice, oltre l'impact factor, che tiene conto non tanto della credibilità della rivista, quantopiuttosto dell'attendibilità e della scientificità dei suoi contenuti. Lo si potrebbe chiamare "blast factor" :lol: :lol: :lol:

Ma guarda che qui stiamo parlando di autori che raschiano il fondo del barile dei predatory journals, andando sempre più a fondo, sempre di più ...
Mi piace il B.F.! :lol:
Quello delle riviste Frontiers sarebbe in caduta libera, se solo molti ricercatori onesti avessero l'onestà di piantarla di pubblicare da Frontiers e citare articoli pubblicati dai Markram.

*************************

Ne approfitto per chiedere se qualcuno ha mai avuto occasione di leggere attacchi a Marco Ruggiero da parte di tal professor Amedeo Amedei, docente associato presso il Dipartimento di Medicina Sperimentale e Clinica dell'Università di Firenze.
Non è una curiosità indipendente dal contenuto di questo thread, dedicato ai disastri dei predatory journals, e vi spiego subito perché.

Il 20 aprile scorso, Sylvie Coyaud ha scritto un bell'articolo sulle ultime novità dal fronte Ruggiero su OggiScienza: La panacea di Marco Ruggiero, vista da Europol. Poiché il suo lavoro si basa sul mio (cfr. OPERAZIONE TOCANTINS e post precedenti) e su quello di Smut Clyde che ho già avuto modo di citare più volte, non sono stata a segnalarlo qui.
Però Sylvie ha urtato la suscettibilità di questo prof Amedeo Amedei quando ha ricordato che costui è membro dell'Editorial Board della rivista-spazzatura preferita da Ruggiero, l'American Journal of Immunology.

Apriti cielo! L'altro giorno il prof Amedei è intervenuto con un commento infuriato in cui, oltre a minacciare Sylvie di ricorrere alle vie legali se lei non toglierà il suo nome dal fianco di quello di Ruggiero, dice alcune cose molto interessanti.
Anzitutto, che lui fa "parte dell’editorial board di tale rivista come di altre 75 riviste scientifiche internazionali" - e se sono tutte dello stesso livello dell'American Journal of Immunology (e a quanto pare lo sono - SciPub, Omics, AgiAl, Bentham Science ecc.), c'è da chiedersi perché mai il prof Amedei si stia ancora a preoccupare della sua onorabilità scientifica. Vabbè, direte voi, problemi suoi.

In secondo luogo, che scriverà all'American Journal of Immunology e darà le dimissioni dal board.

Ma la cosa più interessante è che il prof Amedei dichiara:

    Gentile Sylvie Coyaud, sono il prof. Amedei che lei ha citato nel suo articolo di denuncia delle bufale del Prof. Ruggiero. Io condivido la sua posizione dal momento che per chi fa rigorosa ricerca scientifica da anni, come me, tale disdicevole situazione è un orrore.
    Fatto questa premessa spero che al più presto il mio nome venga tolto, in quanto io non sono affatto solidale nei confronti del Prof. Ruggiero, che anzi ho attaccato sempre in diverse sedi accademiche e non, per le sue strampalate teorie.

Ora,

    1. poiché io di questi attacchi a Ruggiero non ho mai potuto vederne neppure uno, mentre sarebbe stato molto utile avere qualcuno che attaccasse Ruggiero dall'interno dello stesso ateneo che gli ha consentito di creare una metastasi di negazionismo dell'HIV/AIDS, da dove ha poi potuto impestare anche la Rete, e di far laureare studenti con tesi di argomento e contenuto negazionista, per di più bellamente copiate da materiale reperito in internet, senza che neppure una voce di protesta si levasse dalle commissioni di laurea;
    2. né risulta che il prof Amedei abbia pubblicato critiche scientifiche a Ruggiero su qualche rivista indicizzata da PubMed,
    3. e poiché è molto facile saltare sul carro dei vincitori e sparare su Ruggiero, ora che è un latitante ed è noto all'universo mondo che è un ciarlatano e un criminale,

ho chiesto al prof Amedei di produrre le prove di quanto afferma:

    Gentile Prof. Amedei, potrebbe rendere pubblica la email con cui chiede di essere escluso dal board dell'”American Journal of Immunology”, una volta che l’avrà mandata? Anche poter leggere i suoi reiterati attacchi a Marco Ruggiero potrebbe contribuire a fare chiarezza sui molti aiuti di cui Ruggiero ha goduto quando era docente all’Università di Firenze.

    Sa, è difficile dimenticare le tesi di argomento negazionista dell’HIV/AIDS che l’hanno visto relatore, i corsi approvati dall’Università in cui lui insegnava che HIV è stato eradicato dal GcMAF, gli articoli negazionisti e diversa altra spazzatura pseudoscientifica da lui pubblicata, che sono stati a lungo pubblicizzati (e ancora lo sono) nel sito di UniFi.
    Una gran brutta pagina nella storia della vostra università.

    Grazie!
    Cordialmente,
    Dora, HIVforum.info

Se mi risponde, vi faccio sapere.
Una perla, direi; anzi, più una gemma!


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

_________________
 
La verità non esiste e la vita come la immaginiamo di solito è una rete arbitraria e artificiale di illusioni da cui ci lasciamo circondare.


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 49 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010