HIVforum.info

dal 2007 informazione scientifica e community, HIV e AIDS INFO e aiuto sulla sieropositività: si discute di HIV e AIDS, problemi della sieropositività, farmaci e ricerca scientifica.
               
                   Facebook                   Twitter                
            
Oggi è mercoledì 19 dicembre 2018, 16:14

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 
Autore Messaggio
MessaggioInviato: mercoledì 7 marzo 2018, 22:54 
Non connesso

Iscritto il: domenica 14 gennaio 2018, 22:56
Messaggi: 78
BOSTON - Per la prima volta, al congresso Croi su retrovirus e infezioni opportunistiche, che ha radunato a Boston circa quattromila infettivologi da tutto il mondo, arriva una sessione sull'allattamento al seno nelle donne sieropositive. Ogni anno - infatti - circa un milione e mezzo di donne con Hiv aspetta un bambino. Ma il latte di mamma è sano o rischia di essere - come sottolinea il titolo dell'affollatissima sessione pomeridiana - un milkshake virale? Attraverso il latte, infatti, possono passare anche i virus: più comunemente Hiv, virus oncogeni e il citomegalovirus; più raramente i virus delle epatiti, il parvovirus, altri herpes virus e la rosolia. E se poi il bimbo dovesse ammalarsi di Hiv, non si rischia anche di rendere il virus resistente alla terapia tradizionale? Inoltre, che effetti ha e potrebbe avere alla lunga sul figlio il fatto che la mamma segua la terapia farmacologica? Insomma, tante domande e risposte non sempre facili.

Come sempre entra in gioco il bilanciamento tra i benefici (tanti) e i rischi, possibili ma finora mai accertati. A cominciare da quelli che sottolinea l'Oms, l'Organizzazione mondiale della sanità, nelle recentissime linee guide sull'allattamento al seno nelle donne sieropositive. In alcuni paesi ad alta prevalenza di Hiv, cose come diarrea, malnutrizione e polmoniti sono cause comunissime di morte neonatale. Per questo la mamma va messa in terapia e poi spinta ad allattare, persino quando la terapia è solo programmata ma non iniziata. Perché non è disponibile oppure - racconta Ameena Goga, del Southampton African Medical Research Council di Cape Town, in Sudafrica - perché le donne non vogliono cominciarla, per timore dello stigma o perché non se la sentono di continuare per sempre. Anche in questi casi l'Oms consiglia l'allattamento al seno.


PUBBLICITÀ

inRead invented by Teads
E allunga il periodo fino a 24 mesi


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 20 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010