HIVforum.info

HIV e AIDS INFO e aiuto sulla sieropositività: si discute di HIV e AIDS, dei problemi della sieropositività, di farmaci e ricerca scientifica.
               
                   Facebook                   Twitter                
            
Oggi è domenica 19 agosto 2018, 2:38

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 86 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 5, 6, 7, 8, 9
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: GUIDE NUTRIZIONALI
MessaggioInviato: domenica 24 giugno 2018, 13:46 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 22 giugno 2018, 10:03
Messaggi: 23
Salve, volevo chiedere se qualcuno ha info riguardo effetti della dieta chetogenica su individui HIV+.
Ho letto in giro che la dieta in questione sia benefica in caso di cancro (pare che "affami" il cancro), ma nel caso dell'HIV leggo nell'ultimo
post di skydrake che se il fegato e' affaticato e' un problema.
La dieta chetogenica richiede un certo extra lavoro da parte del fegato, al che mi verrebbe da pensare che possa essere
dannosa per chi e' HIV+. Qualcuno ne sa di piu?


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: GUIDE NUTRIZIONALI
MessaggioInviato: domenica 24 giugno 2018, 15:37 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 19 dicembre 2013, 19:58
Messaggi: 3456
pierino ha scritto:
Ho letto in giro che la dieta in questione sia benefica in caso di cancro (pare che "affami" il cancro
E dove lo avresti letto, di grazia?

_________________
 
La verità non esiste e la vita come la immaginiamo di solito è una rete arbitraria e artificiale di illusioni da cui ci lasciamo circondare.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: GUIDE NUTRIZIONALI
MessaggioInviato: domenica 24 giugno 2018, 18:01 
Non connesso

Iscritto il: sabato 19 marzo 2011, 1:18
Messaggi: 7801
rospino ha scritto:
pierino ha scritto:
Ho letto in giro che la dieta in questione sia benefica in caso di cancro (pare che "affami" il cancro
E dove lo avresti letto, di grazia?
Era uno dei cavalli di battaglia del dott. Ruggiero.
Basta scrivere su Google "Ruggiero ketogenic cancer". Ci sono persino i suoi video.

Qui ci facciamo beffe del suo neurodrink:

viewtopic.php?p=93751

Se invece scrivi su Google semplicemente Marco Ruggiero, troverai come prima notizia la chiusura di una sua clinica dove sono morti almeno 5 pazienti con i suoi metodi anticancro (l'articolo è pieno di imprecisioni, ma i morti ci sono, sebbene di un numero superiore).

In un certo senso funziona. "Affama" il cancro e lo indebolisce. Peccato che faccia altrettanto con i pazienti.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: GUIDE NUTRIZIONALI
MessaggioInviato: domenica 15 luglio 2018, 8:47 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 22 giugno 2018, 10:03
Messaggi: 23
Onestamente non ricordo dove l'avevo letto. Se non ricordo male in qualche articolo in lingua inglese.
Per quanto riguarda gli effetti sul cancro, comunque, riporto solamente.

Per quanto riguarda l'indebolimento del paziente, devo dire che l'effetto della dieta e' un po particolare e voglio aprire una parentesi e spiegare che effetto ha avuto su di me.
Io ho recentemente fatto due periodi in ketosi. Per la prima volta, ad aprile 2018, per un mese.
Per la seconda volta per circa 3 settimane a giugno (complice l'angoscia che riusciva a privarmi dei vari spuntini).

Posso dire che effetto ha avuto su di me.
Prima settimana: perdita di acqua, nessun effetto tangibile in termini di debolezza. Tuttavia non facevo attivita fisica.
Posso ipotizzare che in presenza di attivita fisica, la fase di consumo del glicogeno duri meno.
Seconda settimana la piu difficile. Piu che debolezza la definirei mancanza di energie. Non ero stanco, ero incapace di
produrre lavoro fisico come prima. Ho provato un oretta di attivita fisica come test, e mi sentivo un vecchio. Le gambe non rispondevano come
sempre.

La cosa e' pero gradualmente migliorata nella terza e quarta settimana. Presumo sia quello che i supporter di questa dieta (e dell'intermittent
fasting) chiamano keto-adaptation. Alla fine di questo periodo credo fossi al 85/90% del mio stato normale, con una differenza piuttosto interessante:
sono sempre stato uno con la resistenza di un criceto, mentre adesso riuscivo a reggere molto piu a lungo. Anzi, nella seconda ora mi sentivo meglio che nella prima, addirittura a stomaco vuoto.

L'obiettivo era comunque quello di controllare l'appetito, e in questo devo dire che funziona benissimo. Poi comunque sono uscito volontariamente, per cercare anche di fare una comparativa
della prestazione fisica dentro e fuori ketosi.

Con mia grande sorpresa (e rammarico per non averlo saputo prima), la keto-adaptation non se ne e' andata cosi come e' venuta ma e' rimasta.
Il risultato e' stato che adesso durante la prima ora di attivita fisica mi sentivo al 110% (piu energia di prima, si). Dopo la prima ora avevo un calo di circa 10/15 minuti e poi riuscivo a ripartire.
Questo e' grossomodo anche lo stato in cui sono ora, e di cui sono molto felice, visto che ora riesco a reggere 3-5 ore di attivita fisica (ad esempio un po di montagna) tornando in condizioni quasi normali.
Prima della keto-adaptation, con 5 ore di camminata sarei tornato in condizioni pietose.
chiudo qui la parentesi, dicendo che effettivamente, come molte diete che vanno a modificare il metabolismo, e' sicuramente qualcosa a cui prestare attenzione (richiede integrazione di elettroliti, ad esempio, per compensare la perdita d'acqua), ma che, almeno a me, ha rivelato meccanismi metabolici che non pensavo di avere.

La domanda iniziale era volta a capire se una dieta del genere, non so se stressante ma certamente incentrata sull'attivita' epatica per la produzione di energia, potesse essere compatibile con una terapia antiretrovirale.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: GUIDE NUTRIZIONALI
MessaggioInviato: domenica 15 luglio 2018, 12:47 
Non connesso

Iscritto il: sabato 19 marzo 2011, 1:18
Messaggi: 7801
Molti anni fa, feci la dieta metabolica di Mauro di Pasquale, un mese prima di una gara (di kick boxing)
Dovevo perdere almeno 6 chili per riuscire a gareggiare tra i medio-massimi anziché tra i massimi.
Grazie a tale dieta, ci riuscii a rientrare nella categoria, ma arrivai così spompo e appannato al giorno delle gare che fui massacrato al primo incontro da un diciottenne 10 cm più basso di me che saltellava a destra e manca senza che riuscissi a sferzare un colpo in pieno, schivandoli tutti.

La mia guida su questa dieta (che è sempre di tipo chetogeno) era di 6 pagine di istruzioni su come farla e 24 di effetti collaterali da tenere a bada.
Quando finiscono le riserve di zuccheri, il sangue è invaso dai corpi chetogeni (=tossine prodotte dal fegato che disperatamente scinde tutto quello che può scindere per produrre un po' di zuccheri) che intaccano un po' tutti gli organi. Tra l'altro uno dei primi organi ad essere colpiti è il cervello, il quale funziona ESCLUSIVAMENTE con gli zuccheri. Per l'effetto tossico in sé di questi corpi chetonici, il fegato e i reni finiscono col riportare persino più danni.
Sé troppo drastiche e prolungate, queste diete creando danni permanenti.

Sono diete difficili da gestire in pazienti sani, ma sono ancora gestibili se hai un dietista o un preparatore dietro ed eff vengono molto utilizzate tra gli sportivi prima delle gare, dalle modelle prima delle sfilate ecc., ma applicate a persone con delle problematiche di salute serie come un tumore, sono ingestibili.
Affami le cellule tumorali, affami le cellule sane, togli nutrimento e intacchi un po' tutti gli organi e rischi di perdere il paziente.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: GUIDE NUTRIZIONALI
MessaggioInviato: sabato 11 agosto 2018, 16:44 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 3 agosto 2018, 6:32
Messaggi: 14
Località: Milano
Approfitto dell'argomento per intromettermi e fare una richiesta: io già prima della diagnosi di HIV, per una serie di fattori avevo messo su molto peso e adesso vorrei dimagrire, data la nuova condizione sierologica per cui sarebbe consigliato uno stile di vita sano. Credo che sia il caso di rivolgermi ad un medico (dietologo, endocrinologo?) anziché ad un nutrizionista. Qualcuno può consigliarmene uno con esperienza con pazienti hiv+? Preferibilmente Roma o Milano.


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 86 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 5, 6, 7, 8, 9

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 9 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010