HIVforum.info

HIV e AIDS INFO e aiuto sulla sieropositività: si discute di HIV e AIDS, dei problemi della sieropositività, di farmaci e ricerca scientifica.
               
                   Facebook                   Twitter                
            
Oggi è giovedì 19 ottobre 2017, 6:35

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 31 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4  Prossimo
Autore Messaggio
MessaggioInviato: venerdì 10 febbraio 2017, 15:27 
Non connesso

Iscritto il: martedì 7 luglio 2009, 10:48
Messaggi: 5955
Immagine

Immagine


#UequalsU Undetectable = Untransmittable

Prevention Access Campaign, un'iniziativa per contrastare sia l'epidemia di HIV, sia lo stigma che grava sulle persone con HIV voluta da diversi enti e attivisti americani e cui collaborano anche scienziati ed esperti vari, ha pubblicato una dichiarazione di consenso cui hanno aderito diversi ricercatori e molte associazioni, per ora dal mondo anglofono, sul RISCHIO DELLA TRASMISSIONE DI HIV DA PARTE DI UNA PERSONA CON HIV CHE HA VIREMIA IRRILEVABILE: TRASCURABILE - NON ZERO, MA COSÌ PICCOLO DA ESSERE INSIGNIFICANTE.

    People living with HIV on ART with an undetectable viral load in their blood have a negligible risk of sexual transmission of HIV. Depending on the drugs employed it may take as long as six months for the viral load to become undetectable. Continued and reliable HIV suppression requires selection of appropriate agents and excellent adherence to treatment. HIV viral suppression should be monitored to assure both personal health and public health benefits.

    NOTE: An undetectable HIV viral load only prevents HIV transmission to sexual partners. Condoms also help prevent HIV transmission as well as other STIs and pregnancy. The choice of HIV prevention method may be different depending upon a person’s sexual practices, circumstances and relationships. For instance, if someone is having sex with multiple partners or in a non-monogamous relationship, they might consider using condoms to prevent other STIs.

      “NEGLIGIBLE” = so small or unimportant as to be not worth considering; insignificant.

Alla dichiarazione si accompagnano citazioni e spiegazioni di esperti:

    #UequalsU #FactsNotFear #ScienceNotStigma
    Endorsements Updated as of February 3, 2017

    RISK OF SEXUAL TRANSMISSION OF HIV FROM A PERSON LIVING WITH HIV WHO HAS AN UNDETECTABLE VIRAL LOAD
    Messaging Primer & Consensus Statement

    There is now evidence-based confirmation that the risk of HIV transmission from a person living with HIV (PLHIV), who is on Antiretroviral Therapy (ART) and has achieved an undetectable viral load in their blood for at least 6 months is negligible to non-existent. While HIV is not always transmitted even with a detectable viral load, when the partner with HIV has an undetectable viral load this both protects their own health and prevents new HIV infections.[i]

    However, the majority of PLHIV, medical providers and those potentially at risk of acquiring HIV are not aware of the extent to which successful treatment prevents HIV transmission.[ii] Much of the messaging about HIV transmission risk is based on outdated research and is influenced by agency or funding restraints and politics which perpetuate sex-negativity, HIV-related stigma and discrimination.

    The consensus statement below, addressing HIV transmission risk from PLHIV who have an undetectable viral load, is endorsed by principal investigators from each of the leading studies that examined this issue. It is important that PLHIV, their intimate partners and their healthcare providers have accurate information about risks of sexual transmission of HIV from those successfully on ART.

    At the same time, it is important to recognize that many PLHIV may not be in a position to reach an undetectable status because of factors limiting treatment access (e.g., inadequate health systems, poverty, racism, denial, stigma, discrimination, and criminalization), pre-existing ART treatment resulting in resistance or ART toxicities. Some may choose not to be treated or may not be ready to start treatment.

    Understanding that successful ART prevents transmission can help reduce HIV-related stigma and encourage PLHIV to initiate and adhere to a successful treatment regimen.

    The following statement has been endorsed by:

    Dr. Michael Brady – Medical Director of Terrence Higgins Trust and Consultant HIV Physician, London, UK
    Dr. Myron Cohen – Principal Investigator, HPTN 052; Chief, Division of Infectious Diseases, UNC School of Medicine, North Carolina, USA
    Dr. Demetre C. Daskalakis, MPH – Assistant Commissioner, Bureau of HIV/AIDS Prevention and Control New York City Department of Health and Mental Hygiene, New York, USA
    Dr. Andrew Grulich – Principal Investigator, Opposites Attract; Head of HIV Epidemiology and Prevention Program, Kirby Institute, University of New South Wales, Australia
    Dr. Jens Lundgren – Co-principal Investigator, PARTNER; Professor, Department of Infectious Diseases, Rigshospitalet, University of Copenhagen, Denmark
    Dr. Julio Montaner - Director of the British Columbia Centre for Excellence in HIV/AIDS; Director of IDC and Physician Program Director for HIV/AIDS PHC, Vancouver BC, Canada
    Dr. Pietro Vernazza – Executive Committee, PARTNER; Author, Swiss Statement 2008, Update 2016; Chief of the Infectious Disease Division, Cantonal Hospital in St. Gallen, Switzerland

    Organizational endorsements include:
    ACT - AIDS Committee of Toronto - Canada
    AIDES - France
    AIDS ACTION NOW - Canada
    AIDS Alabama - United States
    AIDS Foundation of Chicago - United States
    AIDS United - United States
    Australian Federation of AIDS Organizations - Australia
    British Columbia Centre for Excellence in HIV/AIDS - Canada
    Canadian AIDS Society - Canada
    Canadian HIV/AIDS Legal Network - Canada
    Canadian Positive People Network - Canada
    CATIE - Canadian AIDS Treatment Information Exchange - Canada
    Czech AIDS Help Society - Czech Republic
    Housing Works - United States
    Human Rights Campaign - United States
    ICASO - International Council of AIDS Service Organizations - Canada
    INA - Māori, Indigenous & South Pacific HIV/AIDS Foundation - New Zealand
    Latino Commission on AIDS - United States
    MSMGF (the Global Forum on MSM & HIV) - United States
    NAM aidsmap - United Kingdom
    National Alliance of State and Territorial AIDS Directors (NASTAD) - United States
    National Black Justice Coalition - United States
    New York City Department of Health and Mental Hygiene - United States
    Positive Women's Network - USA - United States
    San Francisco AIDS Foundation - United States
    Sidaction - France
    Southern AIDS Coalition - United States
    Terrence Higgins Trust - United Kingdom
    YouthCO HIV & Hep C Society - Canada

    People living with HIV on ART with an undetectable viral load in their blood have a negligible risk of sexual transmission of HIV. Depending on the drugs employed it may take as long as six months for the viral load to become undetectable. Continued and reliable HIV suppression requires selection of appropriate agents and excellent adherence to treatment. HIV viral suppression should be monitored to assure both personal health and public health benefits.

    NOTE: An undetectable HIV viral load only prevents HIV transmission to sexual partners. Condoms also help prevent HIV transmission as well as other STIs and pregnancy. The choice of HIV prevention method may be different depending upon a person’s sexual practices, circumstances and relationships. For instance, if someone is having sex with multiple partners or in a non-monogamous relationship, they might consider using condoms to prevent other STIs.

    “NEGLIGIBLE” = so small or unimportant as to be not worth considering; insignificant.

    ADDITIONAL EXPERT QUOTES, SOURCES, AND EXPLANATIONS [iii]

    1. “If you are durably virologically suppressed you will not transmit to your partner... I'll say this again, for somebody who is in a discordant couple, if the person [with HIV] is virologically suppressed, 'durably' --there is no virus in their system, hasn't been for several months -- your chance of acquiring HIV from that person is ZERO. Let's be clear about that: ZERO. If that person the next day stops therapy for two weeks and rebounds, your chance goes up. That's why we talk about 'durable' viral suppression...You're as durably virologically suppressed as good as your adherence”. Dr. Carl Dieffenbach, Director of the Division of AIDS, NIH. NIH Video interview (November, 2016)

    2. “When an HIV positive person first starts on treatment, it takes a few months before viral growth is completely suppressed. During that short window of time, the couple should use condoms. Alternatively, the HIV negative partner might use antiretroviral agents as pre-exposure prophylaxis [PrEP].” Dr. Myron Cohen Chief, Division of Infectious Diseases, UNC School of Medicine, North Carolina, USA; Principal Investigator, HPTN 052. POZ magazine (September, 2016)

    3. Suppressing the viral load of a person living with HIV to undetectable levels "not only saves their lives but prevents them from infecting others. So the higher percentage of people who are on treatment, in care and get their viral loads to undetectable, the closer you get to literally ending the epidemic.” Dr. Anthony Fauci, Director of NAID, NIH. NIH Video Interview (August, 2016)

    4. “..Once you begin therapy, you stay on therapy, with full virologic suppression you not only have protection from your own HIV….. but you also are not capable of transmitting HIV to a sexual partner. With successful antiretroviral treatment, that individual is no longer infectious.” Dr. Carl Dieffenbach, Director of the Division of AIDS, National Institutes of Health. NIH Video interview (August, 2016)

    5. “We can now say with confidence that if you are taking HIV medication as prescribed, and have had an undetectable viral load for over six months, you cannot pass on HIV with or without a condom." Dr. Michael Brady, Medical Director, Terrence Higgins Trust, London, England (July, 2016)

    6. "The force of evidence in both real world and clinical trial experience confirms that individuals with suppressed viral loads have a negligible risk of transmitting HIV. Treatment as prevention, pre-exposure prophylaxis, and traditional prevention measures, like condoms, make up an HIV prevention toolkit based in harm-reduction that allows individuals to make personalized and enlightened decisions to both maintain their health and prevent HIV and STI transmission.” Dr. Demetre C Daskalakis, MPH - Assistant Commissioner, Bureau of HIV/AIDS Prevention and Control New York City Department of Health and Mental Hygiene (July, 2016)

    7. “Does this work over a long period of time for people who are anxious to be suppressed? The answer is absolutely yes, we now have 10,000 person years (of follow-up) with zero transmissions from people who are suppressed." Dr. Myron Cohen. Medpage; NEJM. (July, 2016)

    8. “Among serodifferent heterosexual and MSM couples in which the HIV-positive partner was using suppressive ART and who reported condomless sex…there were no documented cases of within-couple HIV transmission” among 58,000 condomless sex acts. Reporting on PARTNER study Dr. Alison Rodger, et al. JAMA. (July, 2016)

    9. “These results are simple to understand – zero transmissions from over 58,000 individual times that people had sex without condoms…[PARTNER study] provides the strongest estimate of actual risk of HIV transmission when an HIV positive person has undetectable viral load – and that this risk is effectively zero.“ Simon Collins, Steering Committee, PARTNER, i-BASE (July, 2016)

    10. "The [Swiss] statement [was the first position statement that] addressed the infectiousness of an HIV-positive person once the virus was stably suppressed for at least 6 months with ART. [T]he [Swiss Federal Commission for AIDS-related Issues] felt, based on an expert evaluation of HIV transmission risk under therapy, that the risk of HIV transmission in such a situation was negligible.” Dr. Pietro Vernazza, chief of the Infectious Disease Division, Cantonal Hospital in St. Gallen, Switzerland; Executive Committee, PARTNER Swiss Medical Weekly (Jan., 2016, confirming the original 2008 Swiss statement)'

    11. “[T]he HPTN 052 study saw only cases of transmission during ART that occurred shortly (days) after the initiation of therapy. If only transmissions after the first six months of ART are considered (as stipulated in the Swiss statement) the efficacy would have been 100% with a transmission risk of zero.” Dr. Pietro Vernazza, Swiss Medical Weekly (Jan., 2016)

    12. “We have…rigorous confirmation that treatment prevents the spread of HIV and improves the health of infected people.” Dr. Thomas R. Frieden, Center for Disease Control Director, USA New England Journal of Medicine sourcing HPTN 052 & PARTNER studies (Dec., 2015)

    13. "If people are taking their pills reliably and they're taking them for some period of time, the probability of transmission in this study is actually zero." Dr. Myron Cohen, Chief, Division of Infectious Diseases, UNC School of Medicine, North Carolina, USA; Principal Investigator, HPTN 052 Interview with plus (August, 2015)

    14. “[People with HIV] will not pass on the infection, if the virus is undetectable, to their partners...” Professor David Cooper - Director of the Kirby Institute for Infection and Immunity in Society. University of NSW, Australia; ABC AU interview (May, 2015)

    15. When asked what the study tells us about the chance of someone with an undetectable viral load transmitting HIV, presenter Alison Rodger said: "Our best estimate is it's zero." Reporting on PARTNER study interim results. Dr. Alison Rodger, University College London, United Kingdom; Lead Author PARTNER, NAM -AIDSMap (March, 2014)

    16. People living with HIV “are leading lives that are normal in quality and length. With effective treatment, they are not infectious.” Health care workers on effective HIV treatment are “totally safe.” Professor Dame Sally Davies, Chief Medical Officer, England. The Telegraph (Aug., 2013)

    17. "Many people want to know their status, because they want to be rendered not contagious, because of confidence in living their lives normally. So I've heard dozens of stories of people who came in and said, 'I want to be tested, because if I'm infected I don't want to be transmissible.' Inspiring.” Dr. Myron Cohen, Chief, Division of Infectious Diseases, UNC School of Medicine, North Carolina, USA; Principal Investigator, HPTN 052; MEDPAGE Today (Jan., 2013)

    18.“In reality, if you give the treatment the opportunity to get on with its work, you will have zero transmission.” Dr. Julio Montaner, Director of the British Columbia Centre for Excellence in HIV/AIDS; Director of IDC and Physician Program Director for HIV/AIDS PHC: TED Talk referring to HPTN 052 (Nov., 2011)


    [i] Much of the current prevention messaging refers to this as Treatment as Prevention or TasP. As of the writing of this primer, there have been no confirmed cases of HIV transmission from a person with an undetectable viral load in any studies. The official cut-off point for an undetectable viral load as defined by the WHO ranges from <50 copies/ml in high income countries to <1,000 copies/ml in low to middle-income countries. For the purposes of this statement, an undetectable viral load is defined as under <200 copies/ml, which is also the measurement for viral suppression.

    [ii] Only a small proportion of HIV-positive people in a large US treatment study regarded themselves as non-infectious after up to three years on antiretroviral therapy (ART), and a third of participants regarded their chance of infecting a partner as still ‘high’, even though only 10% of participants actually had a detectable viral load.” NAM- AIDSMap (2016)

    [iii] Acknowledgements: In addition to PAC’s Founding Task Force, Professor Carrie Foote (Indiana University-Indianapolis) and Edwin Bernard (HIV Justice Network), reviewed and provided valuable input on the Primer.

Frequently Asked Questions


Immagine


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: martedì 14 febbraio 2017, 7:33 
Non connesso

Iscritto il: martedì 7 luglio 2009, 10:48
Messaggi: 5955
Immagine


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mercoledì 22 febbraio 2017, 16:00 
Non connesso
Amministratore

Iscritto il: lunedì 26 novembre 2007, 0:07
Messaggi: 5019
Immagine

Non facciamoci ingannare: i rari fallimenti della PrEP non cambiano l’equazione IRRILEVABILE=INTRASMISSIBILE


Come sappiamo, dietro a molte “preoccupazioni oggettive” si celano spesso ipocrisia e obiettivi che nulla c’entrano con i valori spesso sbandierati; questo è il caso dei dibattiti intorno alla PrEP e alla loro ricaduta su qualcosa che dovrebbe essere oramai un patrimonio comune: l’equivalenza I=I, Irrilevabile=Intrasmissibile.
Bob Leahy, attivista di fama internazionale ha colto oggi l’occasione di alcune oggettivamente brutte notizie, per mettere i puntini sulle “i” e chiarire ancora una volta che qualche occasionale incidente sulla strada della PrEP NON mette in discussione né la PrEP né il dato sull’efficacia preventiva del trattamento soppressivo. Leggiamo assieme questo articolo, apparso su Positive Lite proprio oggi 22 febbraio 2017.

Durante il CROI come sapete è stato portato il terzo caso di “fallimento” della PrEP, con conseguente infezione da HIV, terzo caso piuttosto particolare, perché a differenza dei precedenti due l’infezione no era associata a sviluppo di resistenze
Bob Leahy sottolinea che le peculiarità del paziente, un cinquantenne gay dei Paesi Bassi, consumatore di droga pesante ed estremamente sessualmente attivo, suggeriscono alcune possibili motivazioni dell’infezione ma lasciano comunque aperto il dibattito scientifico.
La questione della resistenza ai farmaci è stata commentata su POZ magazine da Ben Ryan che ha evidenziato come il virus non abbia mostrato mutazioni associate a tenofovir ed emtricitabina, i due farmaci in Truvada, o con qualsiasi altro ARV (il tema può essere approfondito anche a questo link: http://www.aidsmap.com/page/3118230/).
Inevitabilmente è emersa la speculazione che collega il fallimento della PrEP a una presunta inaffidabilità del raggiungimento di una carica virale non rilevabile come metodo di prevenzione. Bob Leahy riporta di avere sentito anche colleghi che si occupano della salute sessuale degli uomini gay dire che i fallimenti della PrEP sono il motivo per cui non si potrebbe sostenere che Irrilevabile=Intrasmissibile, un messaggio invece sostenuto anche dalla International AIDS Society.
Bob Leahy rimarca che questo è un argomento fallace che deve essere demolito, per lui «in poche parole PrEP e trattamento come prevenzione (TasP) sono due animali completamente diversi. Il confronto tra i differenti risultati dei due non ha senso».
Bob ripete, ancora una volta, ciò che dovrebbe essere scontato: la PrEP è un regime per le persone che sono HIV-negative. Nessuno ha mai detto che la PrEP è sicura al 100% - Gilead, produttrice di Truvada, la consiglia in combinazione con l'uso del preservativo. Nella vita reale peraltro la PrEP sembra essere efficace quasi al 100% se presa costantemente in modo che ci siano alti livelli di farmaco nel corpo al momento della esposizione all’HIV, come osserva AIDSmap.
Al contrario, l'uso della terapia antiretrovirale per mantenere una carica virale non rilevabile nelle persone che vivono con l'HIV lavora per ridurre i livelli di virus nel sangue a livelli così bassi che il virus non può essere trasmesso sessualmente. Non ci sono state trasmissioni in studi accuratamente controllati che coinvolgono individui impegnati in rapporti sessuali con partner discordanti senza uso del condom. (chi volesse può rileggere i nostri post sugli studi PARTNER e HPTN)
Bob Leahe scrive che «è come confondere mele e arance», e sottolinea che l'esperienza degli individui negativi che usano Truvada come metodo di prevenzione non ci dice assolutamente nulla circa l'efficacia di Truvada o di ogni altro farmaco da soli o in combinazione in individui che sono già sieropositivi. «Period, Punto e basta».
Il meglio che si può ipotizzare è che la frequenza dei rapporti sessuali è di per sé un fattore di rischio quando si utilizzano metodi di prevenzione, compresi i preservativi, che non sono efficaci al 100%.
Su questo terzo caso, Aidsmap scrive: «Un indizio potrebbe risiedere nel fatto che l'uomo aveva un sacco di sesso ad alto rischio, anche per qualcuno che arruolato in un trial sulla PrEP. Durante i suoi primi sette mesi nello studio ha avuto una media di 56 partner di sesso anale al mese e circa 30 episodi al mese di sesso senza condom, con una media di 16 giorni (di sesso senza condom) al mese, e in quei giorni una media di 3,7 partner». (nota di Uffa: “cazzo che macchina del sesso! :-D ”)
Bob Leahe continua, evidenziando che ci sono stati altri fattori coinvolti in questo caso, che erano troppo atipici, e quindi che trarre conclusioni su ciò che è andato storto in questo caso è particolarmente difficile.
Come Gus Cairns su Facebook ha commentato «Non c'è nessuna ipotesi specifica per quello che è successo, ma la persona che ha preso l'HIV, nonostante gli elevati livelli di farmaco, stava avendo un sacco di sesso e forse c’è semplicemente una probabilità statistica che la PrEP fallirà in una su migliaia delle esposizioni, e questo è il caso».
Ma Gus Cairns continua e Bob Leahe evidenzia questo successivo passaggio, e lo evidenziamo anche noi: «NB: questo non influisce affatto sulla probabilità del caso opposto - di trasmissione da qualcuno che è in terapia antiretrovirale completamente soppressiva. Non c’è essenzialmente alcun HIV trasmettere.» e, per finire, Cairns precisa che nel terzo caso di infezione, invece, c’era «un sacco di HIV e una barriera farmacologica che, una volta ogni morte di papa, può lasciar passare l’HIV».

Qui finisce la mia claudicante e veloce traduzione del bell’articolo di Bob Leahe, ma vorrei aggiungere una breve osservazione: siamo ADDIRITTURA al terzo caso su migliaia, e migliaia, e migliaia e migliaia di persone che hanno preso (chissà con quale attenzione) la PrEP, “ben tre fallimenti”. Non so voi, ma io li considero un successo, un clamoroso successo, la dimostrazione che la PrEP funziona se ci sono stati “ben” tre casi di infezione.

Quanto al resto, ho deciso di considerare ignorante o in mala fede chiunque tenti di intorbidire le acque con pregiudizi e moralismi d’accatto: le chiacchiere stanno a zero: la terapia è prevenzione e sterilizza l’ospite impedendo il contagio, «Period, Punto e basta».

http://www.positivelite.com/component/z ... -about-u-u
#UequalsU #IugualeI


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lunedì 27 marzo 2017, 15:55 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 16 dicembre 2016, 18:19
Messaggi: 35
Ciao a tutti, sapete se ci sono associazioni in Italia che hanno sottoscritto il consensus statement U=U? Sarebbe imporatnte che lo facessero secondo me...


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lunedì 27 marzo 2017, 16:41 
Non connesso

Iscritto il: martedì 16 febbraio 2016, 16:54
Messaggi: 193
mi chiedevo se, in qualche modo, il thread può essere messo in evidenza nel sito anche fuori dalle varie categorie che formano il sito.
mi spiego meglio, uno apre il sito ed trova il thread a sè stante in uno spazio tutto suo. Secondo me è importante sia per noi che per tutti quellli che visitano il sito e sono s-


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lunedì 27 marzo 2017, 18:29 
Non connesso

Iscritto il: martedì 7 luglio 2009, 10:48
Messaggi: 5955
barbalunga ha scritto:
Ciao a tutti, sapete se ci sono associazioni in Italia che hanno sottoscritto il consensus statement U=U? Sarebbe imporatnte che lo facessero secondo me...

Noi abbiamo aderito subito, appena l'iniziativa è nata. Che cosa abbiano fatto altri, non ti so dire.

Immagine

Immagine

Immagine


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lunedì 27 marzo 2017, 22:20 
Non connesso

Iscritto il: venerdì 16 dicembre 2016, 18:19
Messaggi: 35
ottimo, grazie mille...ho visto che anche lila ha firmato il documento, mentre anlaids che non conosco mi sembra di no...


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lunedì 27 marzo 2017, 23:05 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 14 gennaio 2015, 18:50
Messaggi: 247
barbalunga ha scritto:
ottimo, grazie mille...ho visto che anche lila ha firmato il documento, mentre anlaids che non conosco mi sembra di no...


quelli pensano solo a distribuire bonsai.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: giovedì 20 aprile 2017, 21:09 
Non connesso

Iscritto il: domenica 11 dicembre 2016, 18:15
Messaggi: 6
Ciao Dora
Perdona l'ignoranza
Irrilevabile=intrasmissibile vale solo per chi risulta totalmente irrilevabile o anche per chi risulta con viremia stabilmente soppressa con pochissime copie?
Mi spiego meglio: io dopo tot mesi di terapia, per circa un anno agli esami risulto sempre irrilevabile.
Irrilevabile, sempre, per circa un anno.
Trascorso un anno, negli ultimi dieci mesi risulta sempre < 40 ( e quindi non più irrilevabile).
Minore di 40 cmq si considera viremia soppressa, giusto?
Con specifico riferimento agli studi sulla trasmissibilità (partner etc) viremia stabilmente inferiore a 40, rientra nel rischio zero (o comunque rischio insignificante come descritto sopra)?
Grazie mille
Ps ti leggo sempre, grazie per tutte le preziose è incoraggianti informazioni che ci dai


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: giovedì 20 aprile 2017, 22:14 
Non connesso

Iscritto il: martedì 7 luglio 2009, 10:48
Messaggi: 5955
comestaandando ha scritto:
Ciao Dora
Perdona l'ignoranza
Irrilevabile=intrasmissibile vale solo per chi risulta totalmente irrilevabile o anche per chi risulta con viremia stabilmente soppressa con pochissime copie?
Mi spiego meglio: io dopo tot mesi di terapia, per circa un anno agli esami risulto sempre irrilevabile.
Irrilevabile, sempre, per circa un anno.
Trascorso un anno, negli ultimi dieci mesi risulta sempre < 40 ( e quindi non più irrilevabile).
Minore di 40 cmq si considera viremia soppressa, giusto?
Con specifico riferimento agli studi sulla trasmissibilità (partner etc) viremia stabilmente inferiore a 40, rientra nel rischio zero (o comunque rischio insignificante come descritto sopra)?
Grazie mille
Ps ti leggo sempre, grazie per tutte le preziose è incoraggianti informazioni che ci dai

Ma < 40 significa irrilevabile! Significa che il test si ferma lì, quindi che se ci sono fra 1 e 39 virioni in quel mL di sangue quel test (che è standard, usato in moltissimi laboratori) non li vede, quindi sono, appunto, non rilevabili.
È solo una convenzione, cerca di non fartene un cruccio, perché la tua terapia sta andando bene, ottiene esattamente lo scopo che si è prefissa.
E grazie infinite per le tue parole gentili.


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 31 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010